LOVE FILM FEST 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinit   
Mercoledì 08 Febbraio 2017 17:01

BEFORE_LOVE_FILM_FEST.png

 

Qui sotto tutti i dettagli dell'anteprima del Love Film Fest a Venezia e Mestre organizzata in collaborazione con il collettivo veneziano FEMS du Cinema.

 

Schermata_2017-02-08_alle_18.13.08.png

 

Dal 9 al 12 febbraio alla Gran Guardia di Verona – nell’ambito del “Verona in Love” – si terrà la seconda edizione della rassegna cinematogra ca dedicata al genere sentimentale.

VERONA, 3 FEBBRAIO - Dal 9 al 12 febbraio 2017 in concomitanza con la tredicesima edizione del Verona in Love (la manifestazione che da anni promuove la nostra città come capitale mondiale dell’amore e meta di “pellegrinaggio” per tutti gli innamorati), si terrà, nel Palazzo della Gran Guardia, la seconda edizione del LOVE FILM FEST, la rassegna cinematogra ca veronese dedicata al genere sentimentale.

Sarà l’attore e regista romano Carlo Verdone il grande ospite di questa edizione del LOVE FILM FEST, che già l’anno scorso durante la prima edizione ha avuto l’onore di portare a Verona il regista Luca Guadagnino. Verdone incontrerà il pubblico veronese alla Gran Guardia sabato 11 febbraio alle 19.00 prima della proiezione del suo lm “Maledetto il giorno che t’ho incontrato”, lm che ha vinto cinque David di Donatello, due Globo d’Oro, un Ciak d’oro e un Premio Flaiano.

Il LOVE FILM FEST avrà come Paese straniero ospite la Francia (Sezione Love Strangers) con lm, in lingua originale sottotitolati in italiano. La rassegna, inoltre, propone nelle altre sezioni (Love Classics, Love Directors e Panorama) titoli italiani e stranieri, già vincitori di premi internazionali e menzioni speciali, con l’intento di far rivivere le emozioni uniche del Grande Schermo per titoli passati in qualche caso un po’ sordina in Italia e a Verona.

Il LOVE FILM FEST aprirà i battenti nella serata del 9 febbraio alle 18.30 con la giornalista Anna Martellato che avrà il compito di presentare l’edizione 2017 e di annunciare il vincitore del contest lanciato a settembre 2016 dal Festival del Cinema di Venezia per la scelta della clip-sigla della rassegna: i tre nalisti sono Arianna Apostu, Francesca Borghesi e il trio di giovani registi Bertazzoni Calzolai De Grandis. A seguire andrà in scena lo spettacolo ad opera del gruppo di danza “Les Petit Pas” di Katia Tubini e l’attesa proiezione del lm-cult di Baz Luhrmann “Moulin Rouge”. La serata si chiuderà con l’aperitivo offerto a tutti i partecipanti dai Vini Pasqua, sponsor della manifestazione.

Il giorno successivo, venerdì 10, inizierà poi la “tre giorni” di rassegna vera e propria che si protrarrà no a domenica 12 febbraio.

 

 

 

Saranno quattro le sezioni cinematogra che proposta, una per ciascuna fascia oraria:

ORE 15.30
Love Classics: con tre variazioni su un genere declinato in tre diversi momenti della storia del cinema francese: il romanticismo onirico di Jean Vigo, la malinconia struggente di Max Ophuls e la sicità sentimentale di François Truffaut. Una selezione a cura del Professor Alberto Scandola dell’Università degli Studi di Verona.

venerdì 10: L’Atalante di Jean Vigo
sabato 11: I gioielli di Madame de... di Max Ophuls domenica 12: Le due inglesi di Francois Truffaut

ORE 17.30
Love Strangers: un omaggio al cinema francese, ospite d’onore di questa prima edizione. Tre lm speciali per raccontare un Paese e le sue sfumature di vita sentimentale.

venerdì 10: Cous Cous di Abdellatif Kechiche
sabato 11: Il favoloso mondo di Amelie di Jean-Pierre Jeunet domenica 12: Un uomo, una donna di Claude Lelouch.

ORE 19.30
Love Directors: una piccola celebrazione di alcuni dei grandi registi contemporanei del Cinema italiano e internazionale: tre punti di vista da riscoprire sul grande schermo.

venerdì 10: La nestra di fronte di Ferzan Ozpetek
sabato 11: Maledetto il giorno che t’ho incontrato di Carlo Verdone domenica 12: Le due inglesi di Francois Truffaut

ORE 21.30
Panorama: un percorso, dedicato alla casa distribuzione internazionale BIM, fra crisi e rinascita in tre lm che avranno il compito di concludere e riassumere le giornate di proiezioni.

venerdì 10: Tre cuori di Benoit Jacquot sabato 11: Gli amori folli di Alain Resnais domenica 12: Parigi di Cedric Klaplish

 

Molteplici gli eventi collaterali che si terranno a margine della rassegna.

Si comincia con mercoledì 8 febbraio, quando si terrà, in una sorta di ideale ponte fra VeronaeVenezia,il“BeforeLoveFilmFest”,contrediversimomentidedicati.Ilprimosarà alle 18.00 al Cinema Rivoli in Piazza Bra a Verona, quando verrà proiettato il lm “Tutto sua Madre”, una divertente commedia del 2013, esordio alla regia dell’attore Guillaume Gallienne. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione Milk. Nella serata di mercoledì 8 febbraio, poi, l’associazione tutta al femminile “Les FEMS du Cinema” organizza un doppio appuntamento in laguna: al Centro Culturale Candiani di Mestre alle 20.30 verrà proiettato “Cous Cous”, lm protagonista anche della programmazione uf ciale del LOVE FILM FEST, mentre al Cultural Flow Zone alle Zattere, Venezia, verrà proiettato alla stessa ora “Chocolat”, introdotto dallo showcooking a cura della Cioccolateria Vizio Virtù di Venezia.

Durante i tre giorni di proiezioni sarà possibile assistere, ad ingresso libero, ad una selezione di cortometraggi provenienti dal Greenwich Village Film Festival di New York, gemellato con il LOVE FILM FEST. Si tratta di brevi lm indipendenti che raccontano, in pochi minuti, delle piccole storie a sfondo sentimentale e che saranno proiettati a ciclo continuo in una tensostruttura riscaldata allestita nel Loggiato della Gran Guardia. Questi i titoli dei quattro cortometraggi: “Alone/Together” di Alessia Gatti, “Four Day Weekend” di Nicole Jones, “Blind date à la Juive” di Anaëlle Morf e “Remnants” di Al Plancher.

Le mattinate saranno dedicate all’approfondimento. Si comincia venerdì 10 febbraio alle ore 11.30 con l’incontro - nell’Auditorium della Gran Guardia – con Alberto Scandola, Professore di Critica Cinematogra ca dell’Università degli Studi di Verona con la lezione dal titolo “L’Amore nel cinema: volti, forme e ossessioni“. Si prosegue il giorno successivo, alla stessa ora, con il divertente incontro a cura di Soundsfood (alias Stefania Berlasso e Margherita Vitellozzi) che proporranno un originale “showcooking” di musica e cibo dedicato alla Nouvelle Vague francese. Domenica 12 in ne, sempre alle 11.30, verrà proiettato il documentario “La visione romantica” di Roberto Paolini.

La rassegna saluterà de nitivamente il suo pubblico con la proiezione del 15 febbraio, alle ore 16.45, al Cinema Rivoli in piazza Bra con il lm “Il sapore del successo” di John Wells con Bradley Cooper, Sienna Miller ed Emma Thompson per un ideale arrivederci all’edizione 2018.

 

Il LOVE FILM FEST è realizzato grazie al sostegno di Agsm Verona, Vini Pasqua, Atelier Emè, K+ e MP Quadro, sponsor principali dell’evento. È realizzato altresì con il Patrocinio del Comune di Verona, dell’Università degli Studi di Verona e in collaborazione con Verona in Love. Ha, in ne, in App al Cinema il media partner principale.

I biglietti sono già in vendita sul circuito Eventbrite. Per chi volesse acquistare in anteprima l’abbonamento a tutti gli eventi della rassegna (con 13 proiezioni) è possibile trovare no al 5 febbraio una speciale offerta a € 35 invece che € 45. Sono in vendita anche i biglietti per la serata inaugurale. Per i partecipanti alla “Romeo&Juliet Marathon” e per le iniziative “Sigillo d’Amore” e “Messaggio del Cuore” sarà possibile usufruire di speciali sconti di coppia “2x1”.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito internet www.love lmfest.it e sui pro li Facebook, Twitter e Instagram dedicati. 

 
AL GIOVANE REGISTA E DRAMMATURGO PADOVANO GIORGIO SANGATI IL PREMIO AMICI DELLO SPETTACOLO 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinit   
Venerdì 03 Febbraio 2017 13:02

La cerimonia di consegna sabato 4 febbraio  16 al  Teatro Verdi di Padova

Proseguono al Teatro Verdi gli incontri di cultura teatrale e cinematografica promossi dall'Associazione Amici dello spettacolo di Padova aderente al Cinit Cineforum Italiano . Sabato 4 febbraio alle ore 16 sara' consegnato il Premio Amici dello Spettacolo a Giorgio Sangati,giovane drammaturgo e regista  padovano affermatosi a livello nazionale,dopo importanti esperienze di attore,seguite al diploma ottenuto presso la Scuola del Piccolo Teatro di Milano. Dal 2006 si occupa di formazione attoriale e di regia, vantando significative collaborazioni con Luca Ronconi. Negli ultimi anni e' presente come regista anche in alcune produzioni di qualita' del Teatro Stabile del Veneto. Dal 1 al 5 febbraio va in scena proprio sul palcoscenico del Verdi con la sua regia "Le donne gelose" di Goldoni,spettacolo che ha rappresentato con successo  l'Italia all'International Theatre Festival "Alexandrinsky" di San Pietroburgo. Al termine della premiazione,in concomitanza con "Le donne gelose", sara' presentata la videoproiezione di un'altra commedia goldoniana,"I due gemelli veneziani “che vede protagonista il mai dimenticato Alberto Lionello. Il Premio Amici dello Spettacolo viene attribuito annualmente a personalità artistiche che si siano particolarmente segnalate per il loro apporto al mondo dello Spettacolo della nostra Regione. infotel 4162591 

 

Giorgio-Sangati-84-bn.jpg

 
CINEFORUM VITTORIESE E SPAZIO MAVV VI INVITANO ALLA PROSSIMA RASSEGNA DI FILM SUDAMERICANI PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinit   
Martedì 31 Gennaio 2017 22:54

Cineforum Vittoriese, in collaborazione con lo Spazio Mavv, è lieto di invitarvi alla prossima rassegna di FILM SUDAMERICANI.
Le Domeniche di febbraio ore 20.30 presso lo Spazio Mavv, Via del Gelsolino 41, Vittorio Veneto. 

 

unnamed.jpg

 

  

DOMENICA 5 FEBBRAIO 

 


IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI
(El secreto de sus ojos)

J. J. Campanella - 2009 

Argentina

 

Nel giugno 1974 un agente dei tribunali federali, Benjamín Esposito inizia ad indagare sull'omicidio di una giovane donna, Lilliana Morales Colotto, brutalmente violentata e uccisa nella sua casa in un sobborgo di Buenos Aires. Suo marito Ricardo Morales è devastato dalla notizia ed Esposito gli promette di trovare l'assassino.

 

 

DOMENICA 19 FEBBRAIO 

POST MORTEM

P. Larrain - 2010

Cile

 

Santiago del Cile, 1973. Mario Corneo lavora come funzionario presso l'obitorio. Trascrive a macchina le autopsie. Si innamora di una ballerina di cabaret, Nancy, sua vicina di casa. Ma sono i giorni del colpo di stato, l'obitorio si riempie di cadaveri. Nancy si nasconde nel cortile della casa di Mario, che le porta il cibo e le sigarette. Intanto, all'obitorio, i morti riempiono le sale, i corridoi, le scalinate dell'ospedale.

 

 

DOMENICA 12 FEBBRAIO 

EL ABRAZO DE LA SERPIENTE

(L'abbraccio del serpente)

Ciro Guerra - 2015

Colombia

 

Il film racconta due storie, che si svolgono nel 1909 e 1940, entrambe interpretate da Karamakate, uno sciamano dell'Amazzonia e ultimo sopravvissuto della sua tribù. Viaggia con due scienziati per cercare una rara pianta sacra. Il film è liberamente ispirato ai diari scritti dai due scienziati durante il loro lavoro sul campo in Amazzonia.

 

 

DOMENICA 26 FEBBRAIO 


GÜEROS

A. Ruizpalacios - 2016

Messico

 

Tomás è un adolescente a suo modo turbolento. O almeno così pensa la madre, che decide di spedirlo da Veracruz, dove abitano, nel caseggiato popolare di Città del Messico in cui il figlio maggiore vivacchia. A casa del fratello Fede, Tomás arriva con una musicassetta di Epigmenio Cruz, musicista commercialmente sfortunato e geniale, autore di una canzone che, si dice, abbia fatto piangere persino Bob Dylan.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 31 Gennaio 2017 23:01
 
DIARI DI CINECLUB N° 47 - FEBBRAIO 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinit   
Martedì 31 Gennaio 2017 22:09

In questo numero:

Il declino della critica cinematografica Mino Argentieri;

L’uscita dei turisti dalle officine Lumière. Sergio Sozzo;

I primi 70 anni della IFFS – International Federation of Film Societies. Julio Lamaña;

Quando il cinema era un circolo. Lettera aperta al Ministro Dario Franceschini. Marco Asunis;

Incontro con il prof. Mino Argentieri. Antonino Orlando;

Seminario AAMOD. Valore e limiti della legge cinema. Temi, questioni e opportunità per archivi e cineteche:

-          Una legge per le imprese e non per la cultura. E chi perde è la cultura. Stefania Brai;

-          Associazionismo culturale cinematografico? 50 anni di inefficacia nella formazione del pubblico, vadano a farsi benedire... è quanto emerso dalle parole del Direttore Generale Cinema. Silvio Magnozzi; 

Animali notturni come narrazione del buio. Natalino Piras;

Sbagliate: diario di un lungo viaggio dentro e fuori la maternità. Elisabetta Pandimiglio;

Chiamata per il morto. Giuseppe Previti;

Le lacrime amare di Petra Von Kant: la solitudine dell’anticonformismo e l’impossibile dialogo. Giorgia Bruni;

Immagini mondo. Breve storia del cinema d’impresa. Letizia Cortini;

Robocop: le paure degli anni Ottanta si realizzano nel nostro presente. Giacomo Napoli;

E’ uscito CINEMASESSANTA n. 328, rivista diretta da Mino Argentieri. DdC;

2017: Anno nuovo, vecchie storie! Fabrizio Nucci;

Il sorpasso. Luciano Marrocu;

SardiniaFilmFestival XII Edizione. DdC;

Capucine. Virgilio Zanolla;

Evita nel tempio del musical italiano. Antonio Maria Masia;

Valdarno Cinema Fedic. DdC;

Il cinema da strumento tecnico a settima arte. Fabio Massimo Penna;

Disastri, incubi ed immaginario – 1967 (50 anni fa): la Marea nera della Torrey Canyon. Enzo Lavagnini;

Robert Taylor e il western. Stefano Beccastrini;

Bianchi Gran Sport. Nuccio Lodato;

The Eagle Huntress. Eleonora Migliorini;

Ultra Hal Chatbot Talks with another Ultra Hal Bot. Massimo Spiga;

Coerenza estetica – la pellicola documentaria. Carmen De Stasio;

People on Sunday. Marino Demata;

Sei vittima di bullismo? Dott. Tzira Bella;

Dammi una mano ed ecco un film a kilometri zero. Fabio De Angelis;

Oriana Fallaci, il film temuto. Roberto Petrocchi;

Paterson. Giulia Zoppi;

Finsterwold – Il mondo oscuro. Elisabetta Randaccio;

Collateral Beauty. Silvia Lorusso;

Artemisia Gentileschi e il suo tempo. Giovanni Papi;

Tre fratelli di Francesco Rosi. Alessandro Macis;

Poetiche. Je so’ pazzo. Pino Daniele;

Il cinema della violenza. Mario Dal Bello;

E’ uscito Cineforum 560. DdC;

E partì il treno del Sistema Cinema della Puglia. Adriano Silvestri;

La criminalità sullo schermo paga: il mondo di Gomorra e Narcos. Ilaria Lorusso;

La televisione del nulla e dell’isteria (IIª). DdC;

Raffaele Cosentino, uno dei personaggi più interessanti del cinema muto siciliano. Sebastiano Gesù;

Il cinema come rito. Festa di Franco Piavoli. Giulia Marras;

Silenzi, fedi, fedeltà e responsabilità. Il doppiaggio di Silence di Scorsese. Tiziana Voarino;

Convenzioni cinematografiche e vita reale. Andrea David Quinzi;

La Gens Bitontina nei cento ritratti satirici di Pierfrancesco Uva. DdC;

La famiglia dei Paperi. Davide Deidda;

Cinema o menzogna? Lo sperimentalismo di Michelangelo Frammartino; Michela Manente;

Sentieri Selvaggi Story. Scuola, rivista ed altro. Simone Emiliani;

Cagliari/Elmas. Roberto Faenza. Contaminazioni tra Cinema e Letteratura.  Premio alla carriera 31 gennaio/18 marzo. DdC;

Appuntamento con la risata al cinema. Lucia Bruni;

Andrej Tarkovskij, maestro necessario. Andrea Ulivi;

Realtà, Finzione, Immaginazione. Massimo Esposito;

Alla fine Sua Santità come Charlot. Pia Di Marco;

Lo Spirito allegro con humour britannico. Giuseppe Barbanti;

Jackie. Paola Dei;

Omaggio. Noi e la Giulia. DdC;

Le vignette “Emissioni” e “Sergio Rubini” sono di Pierfrancesco Uva; L’illustrazione “Jean-Luc Godard – Cosa pensa della critica?” è di Giampiero Bazzu; La caricatura “Mino Argentieri” è di Luigi Zara.

 

Cliccate sulla copertina per scaricare la rivista in formato PDF:

diari47.jpg

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 156